Blog: http://thedreamers.ilcannocchiale.it

Il paradiso non ha confini

Ci sono cose che fai in automatico.
Se suoni io sono sotto al palco.
Qui, la, giù, mi puoi trovare con una birra in mano (prima) o con un bicchiere vuoto (ora).
Ma qualcosa devo avere.
Perchè se voi siete su io sto giù.
Li puoi perdere di vista o di udito (in questo caso è d'obbligo) ma sai che ci sono.
E' un discorso di socialdemocrazia.
E non voglio storie d'Italia.
Con me solo chi merita, come dire, una ristretta cerchia di (in)fedeli.
Sono quei gruppi che ti danno brividi, come ci ritroviamo a commentare a metà concerto scambiandoci le braccia.
Loro sono sempre li, noi sempre qui.
Mai più di uno sguardo, nemmeno un ciao.
Ci basta così.
Così si va fino alla fine.
Grazie.
Il paradiso non ha confini, la corte dei miracoli è qui.

Pubblicato il 29/7/2007 alle 14.2 nella rubrica musica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web